Il governo filippino chiede aiuto per l’impersonificazione dei truffatori Bitcoin

Un funzionario del governo filippino, Carlos G. Dominguez III, ha chiesto l’assistenza del Dipartimento di Giustizia del Paese (DOJ) mentre i truffatori della Bitcoin sfoggiano le sue foto in modo non autorizzato per ingannare i cittadini ignari.

A seguito di precedenti rapporti, le Filippine si trovano probabilmente ad affrontare un aumento delle frodi criptiche, la maggior parte delle quali rivendica l’approvazione del governo.

I truffatori Bitcoin impersonano Dominguez per promuovere falsi investimenti

Dominguez, direttore economico capo del presidente delle Filippine Rodrigo Duterte, ha chiesto aiuto al Dipartimento di Giustizia per porre fine ai falsi investimenti in valuta criptata propagandati ai cittadini dai truffatori della Bitcoin Trader. Più precisamente, Dominguez ha esclamato che i truffatori hanno usato i suoi nomi per promuovere una falsa piattaforma di auto-trading di valuta digitale chiamata „rivoluzione Bitcoin“.

In una lettera scritta martedì al Segretario di Giustizia Menardo I. Guevarra, Dominguez ha rivelato molti post su Facebook, dove i truffatori Bitcoin hanno usato le sue foto e i suoi testi per ingannare la gente. Secondo il rapporto, il messaggio affermava che Dominguez ha investito nella cosiddetta rivoluzione Bitcoin e che il suo „ultimo investimento ha terrorizzato gli esperti in soggezione e le grandi banche“.

Dominguez vuole che il Dipartimento di Giustizia scopra e persegua i truffatori

Dominguez ha spiegato che tali stratagemmi, per cui i nomi di alti funzionari governativi vengono usati in modo non autorizzato, sono per lo più diretti a frodare persone ignare, sia nelle Filippine che in altri Paesi. Nella lettera a Guevarra, a Dominguez ha aggiunto:

Anche se questo incidente era stato segnalato a Facebook per prevenire il diffondersi di queste truffe, l’autore di tali atti potrebbe comunque continuare a trovare altre strade per perseguire le loro attività malevole. Pertanto, chiediamo l’assistenza dell’Ufficio per la criminalità informatica del DOJ per rintracciare, identificare e perseguire i responsabili di questi post.

Da mesi ormai, nelle Filippine si assiste a un aumento dei falsi investimenti da parte dei truffatori della Bitcoin, molti dei quali sono stati smascherati dalle agenzie del Paese. A maggio, le Filippine sono state messe in guardia contro un falso investimento Bitcoin denominato „stile di vita Bitcoin“. I responsabili hanno chiesto l’approvazione del presidente del Paese per ingannare l’opinione pubblica e fargli credere che fosse legittimo.

Comments are closed.